La società letteraria di Guernsey

società letteraria guernsey.jpgda ibs.it

Gennaio 1946. Il mondo sta uscendo a fatica dall’incubo della Seconda guerra mondiale, e a Londra la scrittrice Juliet Ashton cerca invano l’ispirazione per il suo nuovo romanzo, dopo il successo del primo libro. All’improvviso, Juliet riceve la lettera di un abitante dell’isola di Guernsey, nella Manica, che ha trovato il suo indirizzo su un vecchio libro usato. Fra i due inizia una fitta corrispondenza, e Juliet scopre che sull’isola, occupata per cinque anni dai tedeschi era nato un circolo di lettura (tre isolani sorpresi dal coprifuoco avevano dichiarato di aver perso la nozione del tempo a parlare di libri). La Società era diventata ben presto la ragione della loro vita, l’unico modo per sfuggire, attraverso il piacere che solo i grandi libri sanno offrire, agli orrori della guerra. A poco a poco Juliet verrà assorbita dalle storie degli abitandi di Guernsey, dalle loro vite straordinarie, dai drammi che hanno vissuto. Deciderà di raggiungerli, e a Guernsey troverà non solo l’ispirazione per il suo lavoro, ma qualcosa che cambierà per sempre il corso della sua vita. Un omaggio al potere dei libri e un inno al piacere della lettura, ma anche una storia di amicizia, di coraggio e d’amore.

Questo romanzo in forma epistolare racconta la storia di una donna che, nella Londra distrutta dalla seconda guerra mondiale, cerca di iniziare la sua nuova vita di giornalista e scrittrice, liberandosi dalle certezze di matrimoni che l’avrebbero portata a negare la sua più forte vocazione letteraria.

Attraverso la società letteraria di Guernsey, durante l’occupazione nazista, diverse persone sull’isola sono riuscite a sopravvivere e questa sarà l’occasione per grandi amicizie e svolte di vita.

E’ un romanzo d’amore, che parla di sincerità degli affetti, rinascita e passione letteraria. Mi è piaciuto.

La società letteraria di Guernseyultima modifica: 2011-05-09T11:48:45+02:00da antonella1101
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento